Confederazione Sindacale A.G.L. Alleanza Generale del Lavoro

Confederazione Sindacale A.G.L. Alleanza Generale del Lavoro
(confederazione sindacale dei lavoratori) codice fiscale: 97624870156; atto costitutivo (e statuto) registrato presso l'Agenzia delle Entrate, DP I MILANO-UT di Milano 1, in data 04/06/2012, serie 3, n.7107- sede naz.le:Via Antonio Fogazzaro 1, sc.sin. 3° piano, 20135 Milano, tel.3349091761, fax +39/1782736932, Whatsapp 3455242051, e-mail agl.alleanzageneraledellavoro@gmail.com ; e-mail certificata: alleanzageneraledellavoro@pec.it

lunedì 5 dicembre 2016

ANVG Milano. Venerdì 9 dicembre, h 18:00. Commemorazione eroe Aristide Carabelli


Il 9 dicembre 1916 nasceva a Corsico, nei pressi di Milano, Aristide Carabelli.
Volontario di guerra nei mezzi di assalto della Marina durante la seconda guerra mondiale, si immolò con il suo barchino esplosivo forzando la base di Malta la notte del 26 luglio 1941 Morì con Teseo Tesei, fondatore delle unità speciali d'assalto della Marina.
Il 9 dicembre 2016, celebreremo quindi il 100° anniversario della nascita dell'eroe, nobile figlio della terra milanese, ricordandone brevemente le gesta militari e dando lettura della motivazione con cui gli venne concessa la medaglia d'oro.
Tutto questo, a Milano, presso la sala pubblica dell'Associazione Nazionale Volontari di Guerra, in via Duccio di Boninsegna 21/23, alle ore 18:00.

Vi aspettiamo

Andrea Benzi

Segretario generale ANVG

Presidente della Federazione provinciale di MIlano "Manlio e Gioacchino Savarè"

TUTTE LE VIE SON PIANE ALL'ANIMOSO

APPELLO PER LE ADESIONI 2016 E PER UN SOSTEGNO ALLE NOSTRE INIZIATIVE

Molti hanno potuto apprendere le numerose e praticamente incessanti iniziative intraprese durante questo 2016.
Possiamo tranquillamente affermare di essere stati i soli, a Milano, ad aver proposto e realizzato le commemorazioni di Damiano Chiesa, Cesare Battisti, Fabio Filzi, Enrico Toti, Nazario Sauro. Abbiamo affrontato anche argomenti culturali di vario genere, spaziando dalla storia, alla cultura, all'attualità.
Abbiamo infranto la diffidenza e la pigrizia generale, quando non le condotte colpose (ma verrebbe a dire anche dolose), di coloro che avrebbero voluto dimenticare tutto e tutti, consegnando definitivamente all'oblio sacrifici, atti, gesta di vita, messaggi che così tanto hanno contribuito alla costruzione della nostra identità nazionale e di cui appare sempre più necessario mantenere la memoria.
Piace essere stati in prima fila. Abbiamo fatto soltanto il nostro dovere. Forse non abbiamo fatto abbastanza e dobbiamo e vogliamo fare di più.

Siamo riusciti a mantenere la nostra sede: essa si trova in un contesto di assoluto decoro cittadino, ben raggiungibile con i mezzi pubblici, consente l'utilizzo di un'ampia sala pubblica, è accessibile in ogni momento ed in ogni giorno del mese, senza chiedere il permesso ad alcuno. Ne siamo noi i conduttori e custodi, non dipendiamo da nessuno, da alcuna benevolenza o autorizzazione, almeno fino al 2022...

Di più: ci stiamo allargando. Da questo mese, con la conduzione di un nuovo ampio locale che destineremo a mostre artistiche, esibizioni o esposizioni, corsi di istruzione o comunque eventi per i quali non vogliamo rendere conto ad alcuno della loro gestione o organizzazione (la sala pubblica è a disposizione infatti coordinandoci con le esigenze di altri enti presenti nel palazzo).

Tutto questo sforzo necessita tuttavia di una mano. Morale e materiale.
Deve aumentare la partecipazione ai nostri eventi. Deve aumentare la percezione che, se si pensa che la cultura sia l'unica attività da percepire gratuitamente, l'unica cultura che rischia di vincere è quella "dominante" o quella "prezzolata", quella che comunque dispone di risorse ingenti finalizzate al profitto, all'interesse delle oligarchie. Questa cultura è quella che vuole dimenticare, vuole cancellare, vuole sopprimere e sostituire. O anche e più subdolamente vuole fare girare la palla sempre e solo fra i soliti "baroni" o "feudatari", profondendo peraltro soldi del contribuente e beneficiando autoreferenze e cortigiani. 
Conseguentemente occorre dare una mano, se almeno un minimo piacciono le cose che organizziamo e che non possono darsi per scontate.
Nessuno si deve svenare, state tranquilli...un po' meno di un biglietto di una partita di calcio o un po' più di un biglietto di un cinema, possono rappresentare gesti importanti.
Voi non sarete più poveri, noi ci sentiremo sostenuti e la nostra morale si rafforzerà.
Von Clausewitz affermava che la vittoria è il prodotto di due vettori: morale e mezzi. Ecco, qualsiasi gesto concreto contribuisce alla vittoria, in questo caso la permanenza dell'Associazione e l'organizzazione futura dei nostri eventi.

Qui sotto il nostro IBAN dove fare pervenire l'aiuto richiesto


IT 40 J 07601 01600 000037287208
Conto corrente postale n. 37287208 intestato all'Associazione Nazionale Volontari di Guerra - Federazione di Milano


lunedì 21 novembre 2016

NUOVO SEGRETARIO PROVINCIALE DI RIMINI DELL'ALCAMS-AGL

Silvia Pasqualetti è il nuovo Segretario Provinciale di Rimini dell'ALCAMS -AGL (Commercio, Turismo, Servizi, Terziario).
A Silvia i migliori auguri di buon lavoro da tutta l'AGL
(cell.: 3341084818, e-mail:  alcams.agl.rimini@gmail.com , siti: http://alcams-agl.blogspot.it  http://agl-emilia-romagna.blogspot.it )

mercoledì 16 novembre 2016

ANVG Milano: domenica 20 novembre, h 18:30, Josè Antonio, Ledesma Ramos, Onesimo Redondo


Domenica 20 novembre, alle 18:30, presso la sala pubblica adiacente alla sede della Federazione provinciale di Milano dell'Associazione Nazionale Volontari di Guerra (via Duccio d Boninsegna 21/23 - MM Buonarroti), commemoreremo le valorose figure di Josè Antonio Primo de Rivera (fucilato ad Alicante il 20 novembre del 1936), fondatore della Falange, e di Ramiro Ledesma Ramos, e Onesimo Redondo, sindacalisti, caduti anch'essi nello stesso periodo in terra iberica per una Spagna unita, libera e sovrana.
80 anni fa, il 20 novembre 1936, moriva fucilato ad Alicante dopo un sommario processo con applicazione del codice militare, Josè Antonio Primo de Rivera, fondatore della Falange, avvocato, patriota spagnolo, propugnatore di una Spagna unita, libera, sovrana, socialmente giusta. Poche settimane prima, il 29 ottobre 1936, era statto fucilato a Madrid, Ramiro Ledesma Ramos, vivace pensatore, discepolo di Ortega y Gasset, fondatore e capo delle JONS (Giunte di Offensiva Nazional - Sindacalista), pensatore e politico libero e vigoroso. Il 24 luglio era caduto in combattimento, sulle montagne di Guadarrama, Onesimo Redondo, cattolico, teorico del sindacalismo nazionale spagnolo. Con la scomparsa di Primo de Rivera; Ledesma Ramos, Onesimo Redondo il Falangismo perse, già nel primo periodo della guerra civile spagnola, i suoi principali esponenti politici e sindacali, privando la Spagna e l'Europa di un futuro contributo. L'Associazione Nazionale Volontari di Guerra di Milano, che si onora di avere nella sua sede un quadro con l'immagine di Josè Antonio in camicia falangista, intende commemorare il ricordo dei tre uomini spagnoli, illustrandone brevemente il percorso di vita e ricordando altresì tutti i suoi decorati caduti volontari in terra di Spagna.

Vi aspettiamo

Andrea Benzi

Presidente della Federazione di Milano dell'Associazione Nazionale Volontari di Guerra


giovedì 3 novembre 2016

E' NATO NICOLO' !!!


E' nato Nicolò. A papà Maurizio, a mamma Karen e a nonna Elena i complimenti e gli auguri di tutta l'AGL !

mercoledì 28 settembre 2016

WEYGO: LA SPESA CONSEGNATA A RAZZO !




VISITA IL SITO: http://m.weygo.com

ANVG Milano. Eventi prime due settimane di Ottobre


La Federazione di Milano dell'Associazione Nazionale Volontari di Guerra riprende le iniziative con tre importanti eventi culturali:

1. Mercoledì 5 ottobre, alle ore 18:00, avremo un ospite d'eccezione. Ernesto Galli della Loggia, opinionista politico e culturale del "Corriere della Sera", professore, giornalista e scrittore di diversi saggi sull'identità politica e nazionale degli Italiani, verrà intervistato da Maurizio Cabona sull'argomento "Il Regno d'Italia dalla neutralità alla guerra contro l'impero germanico".

L'evento si inserisce nella scia delle commemorazioni per il centenario della prima guerra mondiale ed è organizzato congiuntamente all'UNUCI


2. Sabato 8 ottobre, dalle ore 16,00 alle ore 20,00, insieme ad "Ereticamente", Associazione Pietas, organizzeremo "Civitas Sapientiae", seminario di studi sulla dimensione sapienziale ed iniziatica della Tradizione di Roma. Coordina i vari relatori il dr. Stefano Sogari, presidente della federazione provinciale di Parma dell'ANVG.


3. Martedì 11 ottobre, alle ore 18:00, incontro su "Heidegger e i Quaderni Neri: un problema filosofico". Relatori il filosofo Luca Siniscalco ed i professori Franco Toscani e Francesco Paolo Menna. Verrà illustrata la figura di Heidegger, il contenuto della sua filosofia ed i suoi rapporti con il nazionalsocialismo.


Tutti gli eventi si terranno presso la sala delle Associazioni, al piano rialzato, sala adiacente alla nostra sede sociale in Milano, via Duccio di Boninsegna 21/23. (MM Buonarroti, prendere via Giotto, prima traversa a sinistra)

Trattasi di tre iniziative culturali di assoluto spessore che manifestano come l'Associazione Nazionale Volontari di Guerra di Milano, forte delle sue gloriose memoria e tradizione, si stia inserendo nel panorama culturale milanese come centro culturale ed organizzativo di primaria importanza.

Invito tutti a partecipare ed a fare girare, come al solito, la notizia.


Un saluto
Avv. Andrea Benzi

Segretario generale ANVG
Presidente della Federazione provinciale di Milano "Manlio e Gioachino Savaré" 

martedì 20 settembre 2016

ROBERTO FASCIANI DIRETTORE DI EUROPE CHINESE NEWS

                                a destra, la Presidente di MILAN HUAXIA GROUP, Angela Zhou

Roberto Fasciani è il nuovo Direttore di EUROPE CHINESE NEWS.

“EUROPE CHINESE NEWS” secondo il Sole 24 Ore (21. 3.2012), è “la più importante testata in ideogrammi scritta e stampata in Italia”. Fondata nel 2004, distribuita in Italia e in Europa, la pubblicazione ha anche una versione online in cinese sul sito http://www.ozhrb.eu e in inglese sul sito http://www.ihuarenbao.com/en/ . La Presidente della Società editrice è Angela Zhou, imprenditrice ben conosciuta, anche fondatrice e Presidente di MILAN HUAXIA GROUP, società a capo del gruppo HUAXIA, una delle più importanti imprese cinesi in Italia. Il suo gruppo ha interessi in molti settori fra cui: media on e offline, media center, e-commerce globale, organizzazione di eventi, studi di consulenza, import ed export di beni di lusso e di prodotti alimentari, hotel, enoteche, ristoranti cinesi e occidentali, food & beverage, catering e ospitalità, agenzie di viaggi, società di consulenza per investimenti , promotore di mostre, studi legali, società di assicurazione, centri culturali e altri modelli multi-business. MILAN HUAXIA GROUP è una delle aziende di proprietà di imprenditori cinesi più influenti in Italia e una tra le più importanti società cinesi a livello internazionale.

lunedì 12 settembre 2016

GIU' LE MANI DALLA GLOBALIZZAZIONE. Appello contro il nuovo protezionismo straccione Contro i teorici della chiusura. Contro i sabotatori dei trattati di libero scambio. Contro i nemici del mercato. Nasce un manifesto trasversale per la difesa della società aperta e del libero commercio. Qui le prime firme


L'AGL condivide pienamente l'appello che qui di seguito riportiamo, firmato da insigni personalità, apparso sul quotidiano Il Foglio e promosso dalla Adam Smith Society ( http://www.adamsmith.it/ ).
"The Adam Smith Society è una libera associazione cui aderiscono professionisti, accademici, economisti, giuristi ed operatori economici interessati allo studio ed alla diffusione dei princìpi dell’economia di mercato, della concorrenza e della libera iniziativa. E’ un’associazione culturale senza scopo di lucro ed apartitica, finanziata interamente dalle quote associative versate dai soci e da sponsorship legate alle varie iniziative che organizza.
L’obiettivo della Society è quello di diventare un punto di riferimento per chi in Italia condivide le nostre stesse idee, utilizzando al meglio anche i nostri contatti internazionali. La nostra principale area di interesse è quella della regolamentazione pubblica dell’attività economica in tutti i suoi vari aspetti, dalle politiche antitrust alla regolamentazione dei mercati finanziari. Un tema collegato che ci interessa particolarmente è quello della privatizzazione e deregulation di attività economiche ora in mano pubblica (dalle public utility alle municipalizzate alle carceri). Ovviamente tra i nostri interessi non manca la riflessione e la discussione sui temi classici del liberismo e del liberalismo.
Le modalità con cui perseguiamo questi nostri obiettivi sono molteplici: l’organizzazione di seminari, convegni e conferenze è una delle principali, a questa si aggiunge la preparazione di studi, ricerche e interventi pubblici."
****************************************************
dal sito www.ilfoglio.it

La liberalizzazione del commercio e degli investimenti a livello globale è stata per decenni uno dei motori principali di crescita e progresso sia nei paesi sviluppati che in quelli cosiddetti emergenti. I benefici del libero scambio sono stati messi in risalto da vari economisti nel corso dei secoli, da Adam Smith a David Ricardo agli studi di Heckscher-Ohlin e Marc J. Melitz. Dopo una lunga fase in cui ha prevalso l’approccio multilaterale, negli ultimi anni il congelamento del round negoziale di Doha all’interno del WTO ha stimolato la conclusione di accordi bilaterali a carattere preferenziale, nonché accordi di cosiddetta “nuova generazione” come quello concluso tra Unione Europea e Canada (CETA) e quello ambizioso in corso di negoziazione con gli USA: il TTIP.
Di recente però ci sono stati rallentamenti in questi negoziati, che hanno riguardato non solo il TTIP ma anche per esempio l’accordo di libero scambio tra UE e il Mercosur; rallentamenti dovuti soprattutto all’estrema politicizzazione dei negoziati e a un’opinione pubblica sospettosa delle “lobby” che possono influenzare il contenuto degli accordi e che mette sempre più in dubbio i frutti della globalizzazione. Noi riteniamo che, sebbene esistano delle criticità che vanno risolte, sia gli accordi di “nuova generazione” con gli USA e il Canada sia l’accordo con il Mercosur costituiscano importanti e rare occasioni di crescita per l’economia italiana e per l’economia della UE nel complesso. In particolare, la convergenza normativa (nel rispetto comunque della potestà di regolamentare nell’interesse generale) e la riduzione delle barriere non tariffarie oggetto dell’accordo con gli USA andrebbero a beneficio del sistema energetico e produttivo nazionale e di molte aziende esportatrici italiane, mentre le aperture previste nel settore dei servizi e delle professioni consentiranno una rinnovata movimentazione non solo di investimenti ma anche di persone e professionalità tra USA e UE.

E’ nostro obiettivo nei prossimi mesi contribuire al dibattito in Italia, in particolare sul TTIP ma non solo, fornendo al pubblico e soprattutto agli operatori economici un quadro più oggettivo e completo della posta in gioco e delle conseguenze di una mancata conclusione di questi accordi, ma anche illustrando i meccanismi di controllo e autorizzazione esercitati sia dal Parlamento Europeo sia dai singoli governi sui negoziatori. “Dove non passano le merci passano gli eserciti” resta per noi un motto sempre vero e valido anche nel complesso mondo di oggi.

Carlo Calenda (ministro dello Sviluppo economico), Alberto Forchielli (fondatore Mandarin Capital Partners), Alberto Mingardi (direttore generale Istituto Bruno Leoni),Alberto Pera (avvocato, consigliere di amministrazione Enel), Alberto Saravalle(avvocato, Università di Padova), Alessandro De Nicola (presidente Adam Smith society), Alessandro Ortis (senior advisor Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo), Andrea Goldstein (economista Nomisma), Carlo Alberto Carnevale Maffé (Università Bocconi), Carlo Stagnaro (ministero dello Sviluppo), Cesare Giussani (fondazione Luigi Einaudi), Daniele Capezzone (deputato Conservatori e Riformisti), Davide Giacalone (giornalista), Emanuela Banfi (presidente Fondazione Piero Varenna), Fabio Scacciavillani (capo economista Oman Investment Fund),Francesco Daveri (economista Università Cattolica), Franco Debenedetti (presidente Istituto Bruno Leoni), Giampaolo Galli (deputato Pd), Gianmarco Gabrieli(presidente di Green Cloud Srl), Carlo Scarpa (professore ordinario di Economia Politica presso l’Università di Brescia), Gianmario Tondato Da Ruos (ceo Gruppo Autogrill), Giuliano Mussati (Università Tor Vergata), Giuseppe Benedetto (presidente della Fondazione Einaudi), Guido Gentili (giornalista), Irene Tinagli (deputato Pd),Lorenzo Infantino (Università Luiss), Marco Marazzi (avvocato), Pietro Ichino(senatore Pd), Riccardo Gallo (Università La Sapienza), Roberto Ricciuti (Università degli Studi di Verona), Salvatore Carrubba (Università Iulm), Salvatore Rebecchini(presidente Simest), Sergio Corbello (Associazione italiana private banking), Veronica de Romanis (economista), Chicco Testa (presidente di Sorgenia), Nicola Rossi(presidente del consiglio di sorveglianza della Banca Popolare di Milano)

sabato 10 settembre 2016

Sostegno per l'inclusione attiva (SIA)


Dal sito www.lavoro.gov.it

Il Sostegno per l'Inclusione Attiva (SIA) è una misura di contrasto alla povertà che prevede l'erogazione di un beneficio economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate nelle quali almeno un componente sia minorenne oppure sia presente un figlio disabile o una donna in stato di gravidanza accertata. 
Per godere del beneficio, il nucleo familiare del richiedente dovrà aderire ad unprogetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa sostenuto da una rete integrata di interventi, individuati dai servizi sociali dei Comuni (coordinati a livello di Ambiti territoriali), in rete con gli altri servizi del territorio (i centri per l'impiego, i servizi sanitari, le scuole) e con i soggetti del terzo settore, le parti sociali e tutta la comunità. Il progetto viene costruito insieme al nucleo familiare sulla base di una valutazione globale delle problematiche e dei bisogni e coinvolge tutti i componenti, instaurando un patto tra servizi e famiglie che implica una reciproca assunzione di responsabilità e di impegni. Le attività possono riguardare i contatti con i servizi, la ricerca attiva di lavoro, l'adesione a progetti di formazione, la frequenza e l'impegno scolastico, la prevenzione e la tutela della salute. L'obiettivo è aiutare le famiglie a superare la condizione di povertà e riconquistare gradualmente l'autonomia. 
Con il Decreto interministeriale del 26 maggio 2016 (pubblicato sulla gazzetta Ufficiale n. 166 del 18 luglio 2016) il Sostegno per l'Inclusione Attiva, giàsperimentato nelle città più grandi del Paese, è stato completamente ridisegnato e viene esteso a tutto il territorio nazionale. Pertanto, dal 2 settembre 2016 (45 giorni dopo l'entrata in vigore del decreto) i cittadini in possesso dei requisiti possono presentare la richiesta per il SIA. 
In attesa che si completi l'iter parlamentare e il successivo percorso attuativo della Legge delega per il contrasto alla povertà, che introdurrà il Reddito di inclusione, il SIA si configura come una "misura ponte" che ne anticipa alcuni elementi essenziali. 
COME SI RICHIEDE IL SIA
La richiesta del beneficio viene presentata da un componente del nucleo familiare al Comune mediante la compilazione di un modulo (predisposto dall'Inps) con il quale, oltre a richiedere il beneficio, si dichiara il possesso di alcuni requisiti necessari per l'accesso al programma. Nella valutazione della domanda, inoltre, si tiene conto delle informazioni già espresse nella Dichiarazione Sostitutiva Unica utilizzata ai fini ISEE. È importante quindi che il richiedente sia già in possesso di un'attestazione dell'ISEE in corso di validità al momento in cui fa la domanda per il SIA. 
REQUISITI
  • essere cittadino italiano o comunitario o suo familiare titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero cittadino straniero in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
  • essere residente in Italia da almeno 2 anni; 
Requisiti familiari: presenza di almeno un componente minorenne o di un figlio disabile, ovvero di una donna in stato di gravidanza accertata (nel caso in cui sia l'unico requisito familiare posseduto, la domanda può essere presentata non prima di quattro mesi dalla data presunta del parto e deve essere corredata da documentazione medica rilasciata da una struttura pubblica);
Requisiti economici: ISEE inferiore o uguale a 3mila euro;
Non beneficiare di altri trattamenti economici rilevanti: il valore complessivo di altri trattamenti economici eventualmente percepiti, di natura previdenziale, indennitaria e assistenziale, deve essere inferiore a euro 600 mensili;
Non beneficiare di strumenti di sostegno al reddito dei disoccupati: non può accedere al SIA chi è già beneficiario della NASPI, dell'ASDI o altri strumenti di sostegno al reddito dei disoccupati;
Assenza di beni durevoli di valore: nessun componente deve possedere autoveicoli immatricolati la prima volta nei 12 mesi antecedenti la domanda oppure autoveicoli di cilindrata superiore a 1.300 cc o motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc immatricolati nei tre anni antecedenti la domanda;
Valutazione multidimensionale del bisogno: per accedere al beneficio il nucleo familiare del richiedente dovrà ottenere un punteggio relativo alla valutazione multidimensionale del bisogno uguale o superiore a 45 punti. La valutazione tiene conto dei carichi familiari, della situazione economica e della situazione lavorativa. Sono favoriti i nuclei con il maggior numero di figli minorenni, specie se piccoli (età 0-3); in cui vi è un genitore solo; in cui sono presenti persone con disabilità grave o non autosufficienti. I requisiti familiari sono tutti verificati nella dichiarazione presentata a fini ISEE. La scala attribuisce un punteggio massimo di 100 punti che viene attribuito sulla base di precisi criteri. 
COSA SUCCEDE DOPO
Entro 15 giorni lavorativi dalla ricezione delle domande, i Comuni inviano all'Inps le richieste di beneficio in ordine cronologico di presentazione, indicando il codice fiscale del richiedente e le informazioni necessarie alla verifica dei requisiti. Entro tali termini svolgono i controlli ex ante sui requisiti di cittadinanza e residenza e verificano che il nucleo familiare non riceva già trattamenti economici locali superiori alla soglia (600 euro mensili).
Entro i successivi 10 giorni l'Inps:
  • controlla il requisito relativo ai trattamenti economici (con riferimento ai trattamenti erogati dall'Istituto), tenendo conto dei trattamenti locali autodichiarati; controlla il requisito economico (ISEE≤3000) e la presenza nel nucleo di un minorenne o di un figlio disabile;
  • attribuisce i punteggi relativi alla condizione economica, ai carichi familiari, alla condizione di disabilità (utilizzando la banca dati ISEE) e alla condizione lavorativa e verifica il possesso di un punteggio non inferiore a 45;
  • in esito ai controlli, trasmette ai Comuni l'elenco dei beneficiari e invia a Poste italiane (gestore del servizio Carta SIA) le disposizioni per l'erogazione del beneficio​, riferite al bimestre successivo a quello di presentazione della domanda.
I Comuni verificano nelle modalità ordinariamente previste dalla ​disciplina vigente (articolo 71 del Testo Unico sulla documentazione amministrativa, d.p.r. 445/2000) il possesso dei requisiti autocertificati dai richiedenti, tenuto conto dei controlli già effettuati dall'Inps oltre che dai Comuni medesimi nella fase istruttoria.
Poste invia le comunicazioni ai cittadini per il ritiro della Carta SIA.
IL PROGETTO DI ATTIVAZIONE SOCIALE E LAVORATIVA
Entro 60 giorni dall'accreditamento del primo bimestre (entro 90 giorni per le richieste presentate fino al 31 ottobre) i Comuni, coordinati a livello di Ambiti territoriali, predispongono il progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa, che viene costruito insieme al nucleo familiare sulla base delleindicazioni operative fissate a livello nazionale dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali d'intesa con le Regioni.
L'obiettivo è migliorare le competenze, potenziare le capacità e favorire l'occupabilità dei soggetti coinvolti; fornire loro gli strumenti per fronteggiare il disagio, rinsaldare i legami sociali e riconquistare gradualmente il benessere e l'autonomia. 
LE RISORSE
Le risorse disponibili per assicurare l'erogazione del sostegno economico a coloro che faranno richiesta del SIA sono quelle indicate in legge di Stabilità (art. 1, commi 386-388), oltre a tutte quelle precedentemente dedicate da provvedimenti di legge all'estensione della sperimentazione del SIA e ai risparmi conseguiti sulla Social card tradizionale: si tratta di 750 milioni per l'anno 2016.
Le fonti nel dettaglio:
​Risorse 2016
​Fonte
380 milioniLegge di stabilità 2016
70,325 milioniRisparmi social card nel biennio 2015-16
120 milioniLegge di stabilità 2014 (40 milioni per un triennio)
167 milioniDL n. 76/2013 (estensione al Mezzogiorno)
12,675 milioni Risparmi social card sperimentale nelle grandi città
750 milioniTotale
A partire dal 2017 la legge di Stabilità destina stabilmente 1 miliardo di euro al Fondo per la lotta alla povertà e all'esclusione sociale per l'attuazione del Piano nazionale di lotta alla povertà e, in particolare, per la definizione del Reddito di inclusione. Ulteriori risorse alimenteranno il Fondo a partire dal 2017 grazie ad un riordino dei trattamenti esistenti, da attuare secondo i criteri fissati dal Disegno di legge delega in materia di contrasto alla povertà, riordino delle prestazioni e sistema degli interventi e dei servizi sociali approvato in prima lettura dalla Camera dei Deputati il 14 luglio 2016. 
LE RISORSE DEL FONDO SOCIALE EUROPEO PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI: IL PON INCLUSIONE
Per assicurare una presa in carico integrata e multidimensionale delle persone in condizione di bisogno, i Comuni e/o gli Ambiti territoriali devono garantire adeguate professionalità; rafforzare la capacità di operare in rete con altri soggetti pubblici, privati e del terzo settore; ripensare il modello organizzativo dei servizi e attivare misure rivolte ai componenti dei nuclei familiari beneficiari del sostegno economico (quali la formazione, i tirocini, le borse lavoro, le misure di accompagnamento sociale). 
Per far questo i Comuni e/o gli Ambiti territoriali potranno accedere alle risorse del primo Programma Operativo Nazionale dedicato interamente all'inclusione sociale (PON Inclusione), cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo che, con oltre 1 miliardo di euro, nei prossimi sette anni andrà a supportare il potenziamento della rete dei servizi sociali e la loro collaborazione con i servizi per l'impiego e con gli altri attori territoriali (Asl, scuola, ecc.).
Le risorse verranno assegnate attraverso "Avvisi non competitivi" definiti dall'Autorità di Gestione del PON Inclusione (Ministero del Lavoro, Direzione Generale Inclusione e Politiche Sociali, Divisione II) in collaborazione con le Amministrazioni Regionali.
Per ricevere i finanziamenti, i Comuni e/o gli Ambiti dovranno presentare delle proposte progettuali di interventi - da realizzare su base triennale - destinati ai beneficiari del SIA e al rafforzamento dei servizi loro dedicati, conformi alleLinee guida per l'attuazione del SIA.​
L'AVVISO PUBBLICO per gli interventi da realizzare nel periodo 2016-2019
È stato pubblicato il 3 agosto 2016 l'Avviso non competitivo per finanziare gli interventi da realizzare nei prossimi tre anni. Le risorse destinate ammontano complessivamente a poco meno di 500 milioni di euro.
I fondi assegnati sono finalizzati esclusivamente alla realizzazione degli interventi approvati ma ciascuna Regione può prevedere risorse aggiuntive per realizzare interventi complementari anche a valere sui relativi Programmi operativi regionali (POR), se coerenti.
La definizione delle azioni nelle proposte di intervento dovrà partire da un'analisi del contesto di riferimento che fotografi lo stato del sistema di offerta dei servizi sociali presenti sul territorio erogati dall'Ambito stesso o dai Comuni ad esso associati e da altri soggetti, la presenza di reti sul territorio, l'accessibilità delle misure di politica attiva del lavoro per gli utenti dei servizi sociali e dovrà pertanto riflettere i fabbisogni necessari all'attuazione delle funzioni richieste dalla misura. Dovranno inoltre essere indicati i risultati concreti che si vogliono raggiungere.
MONITORAGGIO E VALUTAZIONE
I Comuni dovranno inviare telematicamente all'Inps (secondo le modalità predisposte entro 30 giorni dalla pubblicazione del decreto) le informazioni sui progetti personalizzati di presa in carico, sulle politiche attivate nei confronti dei soggetti beneficiari ed eventuali ulteriori informazioni, finalizzate al monitoraggio e alla valutazione del SIA. Parallelamente, riceveranno dall'Inps eventuali informazioni inerenti i trattamenti di natura previdenziale, indennitaria e assistenziale in corso di erogazione nei confronti dei componenti i nuclei familiari beneficiari. In assenza dell'invio delle informazioni da parte dei Comuni, gli accrediti successivi al terzo bimestre saranno sospesi.
Il SIA è oggetto di valutazione da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. A tal fine verrà individuato un campione di Ambiti territoriali, corrispondente a non più del 10% della popolazione coinvolta, in cui effettuare la somministrazione dei questionari di valutazione e in cui predisporre gruppi di controllo, individuati mediante procedura di selezione casuale, unicamente per i quali l'erogazione del beneficio può non essere condizionata alla sottoscrizione del progetto personalizzato.
ISTRUZIONI INPS
APPROFONDIMENTI E STRUMENTI​


mercoledì 10 agosto 2016

NUOVO SEGRETARIO PROVINCIALE DI MILANO DELL'ALCOM-AGL (lavoratori della comunicazione)

Adrian Eduardo Adan Gonzalez è il nuovo Segretario Provinciale di Milano dell'ALCOM-AGL , Alleanza Lavoratori della Comunicazione. Sito di riferimento: http://alcom-agl.blogspot.it , cell.3926604642, e-mail: ballagasmorejon@gmail.com . Ad Adrian gli auguri di buon lavoro da parte di tutta l'AGL.

martedì 9 agosto 2016

Nazario Sauro (10 agosto 1916-10 agosto 2016)


Mercoledì 10 agosto, alle ore 18:00, presso la sala pubblica dell'Associazione Nazionale Volontari di Guerra (Milano, via Duccio di Boninsegna 21/23, piano terra) ci riuniremo per commemorare l'eroica figura di Nazario Sauro, condannato a morte da un tribunale austro-ungarico e giustiziato il 10 agosto del 1916 a Pola.
Riteniamo doveroso non fare mancare a questo grande Italiano irredentista e combattente per l'italianità dell'Istria il nostro ricordo

Partecipate  e diffondete.

Andrea Benzi

Segretario generale ANVG
Presidente della Federazione provinciale di Milano "Manlio e Gioachino Savaré" 


lunedì 1 agosto 2016

Onori ad Enrico Toti (6 agosto 1916 - 6 agosto 2016). Centenario della morte.

Sabato 6 agosto alle ore 10:30
Milano, presso il Museo della Scienza e della Tecnica, via S. Vittore 21 (MM S. Ambrogio).

Il 6 agosto 1916, cadeva in combattimento nei pressi di Monfalcone, il Volontario di guerra Enrico Toti, già ferroviere amputato di una gamba per un incidente sul lavoro. Il suo gesto di valore è immortalato in decine di raffigurazioni e monumenti che lo rappresentano mentre lancia la sua stampella verso la postazione del nemico.
La Federazione di Milano dell'Associazione Nazionale Volontari di Guerra, per ricordare tale evento a 100 anni esatti dal suo verificarsi, organizza due visite gratuite (per massimo dieci partecipanti in tutto) al sommergibile "Enrico Toti", custodito presso il Museo della Scienza e della Tecnica di Milano.
Prima visita alle 10:45, seconda visita alle 11:45. La direzione del Museo, che ha accolto la nostra richiesta e ci ha fornito i biglietti gratuiti, si riserva tuttavia di non procedere a visita del sommergibile, qualora la temperatura non lo consenta. I biglietti gratuiti saranno riservati agli associati ANVG e ad coloro che aderiranno per primi all'iniziativa. Obbligatoria comunque la presenza a partire dalle 10:30 e la permanenza fino alla fine della seconda visita.
(Nella foto, la statua di Enrico Toti in Roma, a Villa Borghese - Pincio).

Avv. Andrea Benzi
Presidente ANVG Milano
Segretario Nazionale ANVG

giovedì 28 luglio 2016

Venerdì 29, ore 19:00 Magenta (MI), onori a Giovanni Cattaneo


Come negli anni precedenti, la Federazione di Milano renderà gli onori a Giovanni Cattaneo, sergente mitragliere della divisione "Livorno", caduto in difesa della Patria invasa, a Recalbuto in Sicilia il 31 luglio del 1943.
L'appuntamento è in Magenta, presso il monumento dedicato all'Eroe (via Cattaneo), alle ore 19:00 di venerdì 29 luglio.
Chi vuole partire da Milano, appuntamento ore 18:00 in punto presso la sede dell'Associazione, in via Duccio di Boninsegna 21/23

Vi aspettiamo.

Andrea Benzi

Segretario generale dell'Associazione Nazionale Volontari di Guerra

Presidente della Federazione provinciale di Milano


Comunico infine gli ultimi due eventi organizzati dalla Federazione di Milano per il mese di agosto, anche se tutti...noi no...ci perdonerete l'impegno

1. Sabato 6 agosto, dalle ore 10:00 alle ore 11,30 visita gratuita del sommergibile "Enrico Toti" presso il Museo della Scienza e della Tecnica di Milano (via San Vittore - MM S.Ambrogio). Solo dieci posti disponibili per due visite. Contestualmente alla visita, breve commemorazione della figura di Enrico Toti, volontario di guerra, morto il 6 agosto del 1916

2. Mercoledì 10 agosto, ore 18:30 presso la sede di Milano, commemorazione della figura di Nazario Sauro, eroe irredentista dell'Istria, ucciso dagli Austriaci il 10 agosto 2016.

giovedì 14 luglio 2016

Custoza, Lissa, Bezzecca.

Giovedì 21 luglio alle ore 18:00
Milano, via Duccio di Boninsegna 21/23 presso la sede dell'Associazione Nazionale Volontari di Guerra

Nel silenzio generale scorre il 150° anniversario dell'unificazione del Veneto, del Friuli e della città di Mantova al Regno d'Italia.
La III guerra d'indipendenza del 1866 fu la prima dura prova bellica dell'Italia unita. Iniziatasi nell'entusiasmo generale, con il concorso di decine di migliaia di volontari ed il pressochè unanime consenso di tutti gli uomini di cultura, la guerra avrebbe rivelato ben presto le radicate lacune e disorganizzazioni dei capi militari e politici italiani, la mancanza di una strategia chiara. L'esercito e la marina italiani subirono le dure sconfitte di Custoza (già teatro di altra sconfitta dei Piemontesi nel 1848) e di Lissa. Solo i volontari di Garibaldi riuscirono a prevalere sugli Austriaci nella provincia di Trento. Tuttavia la guerra si concluse con una pace vittoriosa che portò l'Italia ad annettersi tutto l'attuale Veneto ed il Friuli, oltre che la provincia e la città di Mantova. Rimorsi e frustrazioni, in aggiunta alla mancata soluzione della questione dei confini orientali e del dominio del mare Adriatico, alimentarono nei decenni successivi il desiderio di rivincita e furono alla base della successiva scelta di campo del maggio 1915.


Avv. Andrea Benzi, Presidente ANVG Milano

mercoledì 6 luglio 2016

ROBERTO FASCIANI: PRIMA, DURANTE E DOPO...

                                PRIMA...

                                DURANTE...

                                             ...E DOPO!!!

lunedì 4 luglio 2016

CESARE BATTISTI E FABIO FILZI: PER NON DIMENTICARE. EVENTO ORGANIZZATO DALL'ANVG Associazione Nazionale Volontari di Guerra - Federazione di Milano

Martedì 12 luglio ore 18,15
Milano, via Duccio di Boninsegna 21/23 (MM Buonarroti). Sala pubblica presso l'Associazione Nazionale Volontari di Guerra

il 12 luglio 2016 sarà il centesimo anniversario della morte, avvenuta nel castello del Buonconsiglio di Trento, di Cesare Battisti e di Fabio Filzi.

Eroi nazionali, Medaglie d’oro al valor militare, entrambi sono entrati nella mitologia della Grande Guerra, narrati sui libri di scuola a numerose generazioni di Italiani. Possiamo dire che non vi sia città e finanche comune in Italia che non abbiano vie o piazze dedicate agli stessi.
Cesare Battisti, uomo di forte spessore intellettuale e dal volto fiero, socialista, deputato al parlamento austriaco in rappresentanza di Trento, sempre operò per la difesa della cultura italiana e per l’unione del Trentino all’Italia tanto da diventare uno degli elementi più importanti ed autorevoli del movimento irredentista ed interventista. Fabio Filzi, originario di Pisino (Istria) dove il padre insegnava al locale liceo classico, fu in seguito a Rovereto, operando come propagandista italiano nelle università dell’impero austro-ungarico. Seguace di Cesare Battisti, era il suo sottotenente al momento della cattura di entrambi, avvenuta sul Monte Corno. Ed insieme al politico trentino trovò la morte lo stesso giorno, il 12 luglio 1916.
La madre di Fabio Filzi fu negli anni dopo la prima guerra mondiale instancabile madrina della nostra Associazione ed avremo l’onore di mostrare una sua immagine con dedica costituente prezioso patrimonio della nostra Federazione milanese.
Perseverando nel costruire un argine ideale e concreto al processo di oblio inconsapevole o voluto ed ancor peggio subito, intendiamo in Milano, culla dell’interventismo che precedette la prima guerra mondiale e di grandi fermenti nazionali, riunirci per commemorare i due grandi eroi e parlare  di loro e dell'oggi.

AVV. ANDREA BENZI, Presidente ANVG Milano








venerdì 24 giugno 2016

I SERVIZI OFFERTI DA ASS.LIBER.COOP.

ASS.LIBER.COOP. - LIBERE COOPERATIVE ASSOCIATE

ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO PER L'ASSISTENZA E LA TUTELA DELLE COOPERATIVE ASSOCIATE E DEI LORO CONSORZI, IN OGNI SETTORE ; PRESIDENTE: DOTT. STEFANO SODDU ; sede legale nazionale: Via Antonio Fogazzaro 1, 20135 MILANO (citofono n. 7, scala sinistra, 3° piano);tel. 0286915877; fax 0286915881; cell.3455242051; e-mail asslibercoop@gmail.com; C.F. 97752200150
http://ass-liber-coop.blogspot.it

I SERVIZI DI ASS.LIBER.COOP.

FORMAZIONE – l’ASS.LIBER.COOP. assicura il monitoraggio e l’implementazione dei programmi in favore dell’Imprenditoria Cooperativa, armonizza gli interventi promozionali ed il buon esito dei rapporti istituzionali per la definizione dei piani di sviluppo in armonia con le direttive europee. L’ASS.LIBER.COOP. realizza in particolare interventi di formazione attraverso seminari, convegni, corsi di aggiornamento per dirigenti, quadri e tecnici del Movimento Cooperativo.
Opera su tutto il territorio nazionale allo scopo di soddisfare i fabbisogni di formazione e in particolare istituire corsi previsti dal D.LGS. 81/2008 e succ. modif. relativi a:
Formazione e informazione dei soci
Responsabile per la sicurezza
Rappresentante per la sicurezza

STUDI E LEGISLAZIONE – l’ASS.LIBER.COOP. rende disponibili i modelli di Statuto adeguati alle norme vigenti e gli schemi di Regolamento interno conformi alla disciplina sul socio lavoratore per tutte le Cooperative associate, fornendo loro assistenza e consulenza. L’ASS.LIBER.COOP. informa costantemente gli enti associati in merito all’evoluzione della normativa in materia di fiscalità e di vigilanza, nonché di finanziamenti all’imprenditorialità con finalità mutualistiche;

SINDACALE – Le cooperative associate all’ASS.LIBER.COOP. Sono consigliate riguardo all'adozione dei migliori e più vantaggiosi CCNL in ogni comparto produttivo. L’ASS.LIBER.COOP. svolge a tal fine un’attività di assistenza e consulenza, informa le Cooperative associate sugli aspetti previdenziali ed assistenziali dei soci lavoratori, contribuisce al rinnovo dei Contratti Collettivi nazionali già siglati e alla predisposizione dei nuovi Contratti mirati a tutelare la competitività delle imprese associate ed a colmare il gap esistente tra fabbisogno contrattuale e nuove figure imprenditoriali cooperative;

RAPPORTI CON ENTI BILATERALI,CERTIFICAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO L'ASS.LIBER.COOP. Indirizza le proprie Cooperative ai migliori Enti Bilaterali per certificare tutti rapporti di lavoro a livello regionale e nazionale nonché i contratti di Appalto . Offre consulenza riguardo al processo di certificazione dei rapporti di lavoro instaurati dalle Cooperative associate, con particolare attenzione ai rapporti dei soci coimprenditori in base ai Regolamenti interni adottati nonché all’introduzione di trattamenti economici integrativi. L'ASS.LIBER.COOP. garantisce rapporti permanenti di confronto con le Istituzioni o gli Enti competenti di livello regionale e nazionale su tutte le tematiche della formazione professionale e dell'ambiente, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, nonché la partecipazione alle politiche formative della Comunità Europea;

ASSISTENZA A IMPRESE COOPERATIVE E NON COOPERATIVE – L’ASS.LIBER.COOP. è in grado di fornire la debita assistenza a cooperative appartenenti ad ogni settore(produzione e lavoro,lavoro agricolo, sociali, di conferimento prodotti agricoli e allevamento, edilizie di abitazione, pesca, consumo, dettaglianti, trasporto, consorzi agrari, banche di credito cooperativo, consorzi e cooperative di garanzia e fidi altre cooperative). Inoltre può associare ed assistere altre associazioni nonché imprese di qualsiasi tipologia (individuale, società di persone, società di capitali).

CREDITO - fornisce assistenza e consulenza sulle nuove modalità di accesso al credito delle Piccole e Medie Imprese, con lo scopo di informare ed aggiornare le cooperative associate in merito ai cambiamenti del sistema bancario, riferendosi in particolare alla compatibilità tra le esigenze connesse allo sviluppo dell’Imprenditoria Cooperativa, gli Accordi di Basilea e la crisi finanziaria in atto. L’ASS.LIBER.COOP. ha un servizio di assistenza alla predisposizione della documentazione necessaria per l’accesso al credito agevolato “Foncooper” (di cui al Titolo I della Legge 27/02/1985 n. 49 - Legge Marcora - e successive modifiche ed integrazioni, istituito presso il Coopercredito - Gruppo BNL). L’ASS.LIBER.COOP. si inoltre istituirà strutture di supporto al credito, nella forma giuridica di Consorzi fidi;

REVISIONE BILANCI
L’ASS.LIBER.COOP. stipulerà convenzioni con società di revisione di primaria importanza ed operative in tutto il territorio nazionale aventi ad oggetto la certificazione obbligatoria del bilancio delle cooperative in possesso dei requisiti indicati nell’art.15 della L.59/92, ed in considerazione delle novità normative di riferimento ;

ASSISTENZA COMMERCIALE - mediante la promozione commerciale segnala alle associate le richieste pervenute e le assiste nella contrattazione degli accordi con i committenti.

ASSISTENZA FISCALE - assicura la consulenza e l'assistenza per tutti gli aspetti di natura fiscale e tributaria legati alla gestione delle Cooperative.

ASSISTENZA FINANZIARIA
- assicura la consulenza continua relativa a tutte le pratiche predisposte dalle cooperative per la richiesta e l'ottenimento di prestiti, mutui e finanziamenti agevolati, nonché contributi previsti dalla legge.
-elaborazione progetti per lapartecipazione a bandi per contributi specifici per le società
cooperative

ASSISTENZA SINDACALE
- Tutte le associate possono richiedere l'assistenza dell'ASS.LIBER.COOP. per le vertenze sindacali e per le conciliazioni davanti alle Direzioni Territoriali del Lavoro e agli Enti Bilaterali.
-gestione vertenze di lavoro
-accordi in sede sindacale
-accordi sindacali per usufruire di ammortizzatori sociali
-assistenza nella stipula di contratti aziendali e territoriali

DOCUMENTAZIONE - a tutte le associate fornisce , per poter adempiere a quanto prescrive la legge 142/2001 e s.m.i. (socio lavoratore ), lo statuto, la domanda di ammissione a socio, il regolamento per ogni tipo di cooperativa (lavoro, trasporti, edilizia ecc.), il contratto di socio lavoratore.
-redazione di atti costitutivi,modificativi, di liquidazione e statuti per ogni tipologia di società cooperative e consorzi
-redazione di pareri concernenti il diritto societario cooperativo, il diritto del lavoro, la fiscalità
cooperativa, la vigilanza cooperativa, la legislazione cooperativa regionale, nazionale ed europea, operazioni societarie straordinarie
-redazione di regolamenti interni (esempio: regolamento interno del socio lavoratore ex lege 142/2001, regolamento per il conferimento, regolamento per l'attribuzione del ristorno, ecc.)
-redazione di bilanci sociali specifici per le società cooperative

ASSISTENZA SOCIETARIA
-gestione delle cooperative e miglioramento della democrazia interna
-funzionamento organi societari,
-gestione rapporti con i soci (adesione, recesso, esclusione)
-forme di autofinanziamento (aumento di capitale sociale, prestiti da soci, soci sovventori,
azioni di partecipazione cooperativa,prestiti obbligazionari)
-fasi di liquidazione volontaria,
-crisi aziendale (stato di insolvenza e procedure concorsuali)
-simulazione di revisione e ispezione straordinaria per preparare la cooperativa ad affrontare e
a superare la stessa senza rilievi di irregolarità
-supporto e analisi degli esiti ispettivi
-assistenza nella costituzione di nuove cooperative (scelta del tipo, modello, della struttura
organizzativa e di controllo, individuazione delle forme di agevolazione e di finanziamento)

FONDI MUTUALISTICI – L’ASS.LIBER.COOP. assiste le cooperative aderenti e non alle Centrali nella presentazione delle domande di finanziamento agli enti preposti alla gestione con finalità non lucrative dei Fondi mutualistici (o allo Stato) per la promozione e lo sviluppo della Cooperazione e, in particolare, in occasione dei bandi annuali di concorso per l’erogazione dei contributi finalizzati alla costituzione di nuove Società Cooperative, con particolare attenzione alla creazione ed alla crescita dell’occupazione giovanile. Promuove la costituzione di Consorzi tra Cooperative, al fine di facilitare l’accesso da parte degli enti consorziati alle sovvenzioni pubbliche e la loro partecipazione a bandi nazionali e comunitari;

IMMIGRAZIONE
  • ASS.LIBER.COOP. costituituirà un servizio tra Cooperative Sociali associate con l’obiettivo di favorire la qualificazione professionale e l’inserimento occupazionale delle persone immigrate, anche in relazione ai mercati dei rispettivi Paesi di provenienza;
FONDO FORMAZIONE CONTINUA
  • l’ASS.LIBER.COOP. mediante i Fondi interprofessionali, d’intesa con i sindacati, promuove e finanzia piani di formazione continua per i lavoratori delle imprese cooperative associate e loro partecipate sia a livello aziendale e settoriale, che in ambito nazionale;
ASSISTENZA LEGALE
- assicura la consulenza e la tutela di natura legale e giurisprudenziale, l'assistenza per vertenze, contenzioso ed problematiche connesse all'attività delle cooperative.
-preparazione al contenzioso in materia di società cooperative, tributario, del lavoro, previdenziale
-assistenza nella gestione del contenzioso commerciale ai diversi livelli (solleciti, recupero
crediti, messa in mora dei creditori)
-adempimento delle prescrizioni di legge in materia di privacy
-Studio, ricerca e predisposizione di ricorsi, appelli, memorie, comunicazioni, esposti, denunce,
istanze a uffici finanziari, previdenziali, del lavoro e ad autorità di vigilanza e controllo
-Consulenza e assistenza nella trattazione, nella stipulazione di contratti e nella redazione di
atti, anche transattivi, di scritture private, di preliminari e per ogni altra prestazione contrattuale di qualsiasi natura
ASSISTENZA PREVIDENZIALE - assicura la consulenza e l'assistenza nei rapporti quotidiani tra soci - lavoratori e cooperative e nelle situazioni di contenzioso con gli Enti previdenziali e assicurativi obbligatori(INPS, INAIL).

ASSISTENZA BUROCRATICA
assicura aiuto alle Cooperative associate
-nell'espletamento di qualsiasi pratica burocratica, cartacea o informatizzata
  • nei rapporti con gli uffici della
    Pubblica Amministrazione (Agenzia Entrate, INPS, CCIAA, Prefettura,
    Tribunale, Ministeri, Regione, Comune, ecc.)
    • ANOMALIE FINANZIARIE:
      -rilevamento di anomalie contabili dei conti correnti bancari
      -rilevamento di anomalie contabili su strumenti finanziari (mutui, leasing, derivati)
      -rilevamento di anomalie contabili in cartelle esattoriali
      -rilevamento di anomalie operative nella gestione aziendale
      -anatocismo (calcolo degli interessi su interessi: illecito civile)
      -Usura oggettiva e soggettiva (illecito penale)
(primo esame gratuito e, in caso
emersione anomalie, attività di recupero del dovuto)
Dall'elencazione di cui sopra sono in ogni caso escluse le attività cosiddette “riservate”, ossia
quelle che possono essere esercitate per legge esclusivamente dagli iscritti in appositi Albi :in questi casi e solo ove assolutamente indispensabile, verranno suggeriti alla Cooperativa o all'Impresa Associata i professionisti abilitati di fiducia dell'ASS.LIBER.COOP. di provata esperienza nei relativi settori: Avvocati, Commercialisti, Consulenti del Lavoro.
Tali professionisti, convenzionati con ASS.LIBER.COOP. , forniranno alle Associate le loro prestazioni a condizioni e costi più favorevoli di quelli presenti sul libero mercato.